Si è svolto giovedì 7 settembre 2017, un incontro tra il mondo della formazione, il mondo del lavoro, il mondo politico ed il mondo della solidarietà: una vera e propria comunità per il lavoro, in favore dell’inserimento occupazionale qui in Veneto. L’incontro si è svolto presso ENGIM Veneto – Patronato Leone XII di Vicenza.

Il dott.Alessandro Pellizzari, direttore di Murialdo World onlus, capofila del progetto “Borsa Lavoro”, ha aperto i lavori salutando gli ospiti ed introducendo la tematica: i beneficiari sono giovani veneti, suddivisi in 3 categorie: i primi, con gravi difficoltà comportamentali, hanno abbandonato il percorso scolastico ma vengono accompagnati verso un inserimento lavorativo, per evitare che finiscano nella strada dell’illegalità; altri giovani hanno portato a termine gli studi, ma presentano difficoltà, per loro limiti relazionali, cognitivi o motori, a trovare stage per inserirsi nel mondo del lavoro; una terza categoria di giovani rappresenta invece l’eccellenza, che si ritiene di voler premiare per l’impegno ed il talento.

È intervenuto quindi il sindaco della città di Bassano, il dott. Riccardo Poletto: sottolineando come sia importante ampliare il ventaglio di opportunità per questi giovani, attraverso nuovi modelli creativi e nuove modalità di integrazione tra la formazione professionale come quella ENGIM Veneto e le imprese.

Raffaello Fortuna, direttore di ENGIM Veneto, partner principale del progetto “Borsa Lavoro”, ha illustrato il sempre presente intreccio con il mondo dell’impresa promosso dal centro di formazione professionale Engim Veneto – Patronato Leone XIII, con la novità di oltre 500 ore di alternanza scuola-lavoro, sperimentazione in corso del sistema duale sul modello tedesco, in cui l’impresa si integra con integrata anche nella fase di valutazione. E’ stato sottolineato come l’ENGIM utilizzi da decenni l’alternanza scuola lavoro, chiamata stage, che, quindi, è una novità solo per le altre scuole superiori. I numeri degli iscritti nei CFP ENGIM è in crescendo e i risultati sono estremamente positivi, dato che, l’84% dei qualificati trova lavoro o continua gli studi.

L’azienda vicentina Cielo e Terra S.p.A. ha aderito immediatamente al progetto “Borsa Lavoro” in Italia. Il direttore Marketing Pierpaolo Cielo ha espresso l’importanza della collaborazione con ENGIM Veneto per sostenere la formazione dei ragazzi in difficoltà, ma anche dei meritevoli. Questo aiuto si concretizzerà anche con la possibilità di inserimenti lavorativi prorpio nell’azienda di famiglia.

È intervenuto quindi il dott. Giacomo Possamai, consigliere e responsabile delle politiche giovanili del Comune di Vicenza, che si occupa di problematiche legate ai giovani. Essere a fianco dei giovani, sia di quelli meritevoli, sia di quelli che hanno dovuto affrontare le difficoltà, sostiene il consigliere, è un atto sociale preziosissimo per il futuro di tutta la comunità.

Ha relazionato anche il dott. Fabio Menin, in rappresentanza della Regione Veneto, sul tema delicato della dispersione scolastica, con tutti gli aspetti economici che purtroppo comporta, oltre che a livello sociale, nel lungo termine. “La dispersione è la matrice delle diseguaglianze, è uno spreco di ricchezza e di capitale umano che non possiamo permetterci, i s come l’ENGIM Veneto aiutano, da anni, alla riduzione di questo “spreco”, con il recupero di quei ragazzi che hanno fatto una scelta sbagliata o sono stati mal orientati”.

È intervenuto quindi Flavio Lorenzin, imprenditore e presidente di Apindustria Vicenza, che si è complimentato con l’azienda Cielo e Terra, per sposare iniziative così innovative, ma anche con l’ENGIM Patronato Leone XIII e le istituzioni coinvolte in questo progetto. Prosegue Lorenzin dicendo che: “Qualsiasi percorso formativo ha come finalità far trovare un posto di lavoro vero che dia soddisfazione, desiderio fondamentale dei nostri giovani, ormai è da moltissimi anni che con il CFP ENGIM Patronato Leone XIII, collaboro per gli stage degli allievi. A volte, questi ragazzi, mi vengono presentati come “un po’ difficili” ma, vi assicuro, che io in azienda non ho mai avuto collaboratori “difficili””.

Ha preso quindi parola Guido Marangoni, comico del laboratorio Zelig Milano, che ha raccontato la propria storia di riscatto dalla disabilità, parlando del coraggio di “abitare la zona di imbarazzo” tra la disabilità, per imparare che nessuno è “diverso”, ma ciascuno è ”unico”. Guido ha poi presentato due giovani studenti del centro di formazione professionale ENGIM Patronato Leone XIII, i quali hanno raccontato la loro esperienza positiva di crescita e realizzazione personale maturata nel percorso formativo presso ENGIM Vicenza.

L’incontro si è concluso con gli interventi del sindaco di Arzignano, Dott. Giorgio Gentilin, del vice-sindaco di Brendola, dott.ssa Silvia De Peron e del direttore di Engim Vicenza, dott. Ugo Pasquale. C’è stato spazio quindi per un ottimo aperitivo offerto dall’ENGIM Veneto – scuola alberghiera “Reffo” di Tonezza del Cimone.

EVENTO: Una comunità per il lavoro – Percorsi virtuosi per l’inserimento occupazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *